L’occupazione dell’immobile di via Napoleone III, nel quartiere Esquilino a Roma da parte di Casapound, ha causato in 15 anni un danno alle casse dello Stato di 4 milioni e 600 mila euro. È quanto ha calcolato la Corte dei conti di Roma nell’invito a dedurre una sorta di chiusura delle indagini. A risarcire il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La vignetta di Vauro

prev
Articolo Successivo

Gli avvocati e le richieste d’asilo: “Sistematico rigetto dei ricorsi e stranieri condannati alle spese”

next