Giusto un anno fa, il tribunale antidoping squalificava (per otto mesi) la pediatra Anna Licursi, già campionessa italiana di bridge. La “dopata”, sofferente di ipertensione, usava un diuretico, il Clortalidone, che la Wada considera “coprente”. È un mondo ferocissimo, quello del bridge. Stop a Daniela Pimpinella, rea di “aver mandato affanculo” il compagno di gioco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Firenze contano solo i soldi: il centro storico ai privati

prev
Articolo Successivo

Diavoli travestiti da angeli. Colpo di fulmine a 35 anni: “Peccato che sia uno stalker”

next