Venerdì scorso, alla Casa della Cultura di Milano, Paolo Brogi ha presentato il suo drammatico libro–inchiesta Pinelli, l’innocente che cadde giù (Castelvecchi). Sì, caro Enrico, drammatico: perché ancora oggi, a mezzo secolo di distanza, Milano non può, non riesce, non vuole dimenticare. Fu la pagina più vergognosa della nostra storia recente. E ti dirò di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sarri alla Juve: pace a chi sognava Pep

prev
Articolo Successivo

Arbore sbanca con la cultura napoletana nell’era del trash

next