Cosimo Ferri è un deputato che incarna le porte girevoli tra politica e magistratura. Già leader di Magistratura Indipendente, poi consigliere del Csm, sottosegretario nei Governi Letta, Renzi e Gentiloni, infine deputato renziano del Pd. A lui riportiamo lo sferzante giudizio del procuratore generale Riccardo Fuzio nel suo atto di incolpazione contro i cinque consiglieri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’unanime coro degli amici garantisti contro la “furia giustizialista” del partito

prev
Articolo Successivo

Il conciliabolo toghe-politici: “La bomba è per il pm Ielo”

next