Qualcuno aveva avvertito Luca Palamara che c’era un trojan nel suo cellulare quando ancora le indagini per corruzione sul suo conto erano segrete e tanto più lo era il virus che registrava tutto quel che accadeva intorno al suo telefono. Non solo. Luca Palamara aveva discusso del trojan anche con il deputato del Pd, ex […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Csm, le “interferenze” di Lotti per la procura di Roma: “Si vira su Viola”. Palamara: “Creazzo? Gli va messa paura”

prev
Articolo Successivo

Per 2000 euro muori, se rubi 49 milioni sei un idolo

next