Chiedevano fondi agricoli anche per l’aeroporto di Catania, alcuni campi di calcio, autostrade e numerosi impianti industriali, dall’Ilva di Taranto all’Acquedotto pugliese. È tutto documentato nelle indagini del procuratore capo di Enna, Massimo Palmeri, e dai sostituti Francesco Lo Gerfo, Domenico Cattano e Daniela Rapisarda sulle truffe ai danni dell’Unione europea sui contributi per la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

’Ndrangheta, la figlia del boss: “Fate venire mio padre alle nozze”

prev
Articolo Successivo

Mucche di 82 anni nella truffa delle quote latte

next