“Una fotografia è una verità storica”. Di questo, Paolo Pellegrin è convinto. “Scattare foto”, prosegue, “ha a che fare con la memoria collettiva e con l’uomo”. Romano, classe ’64, Pellegrin è fotoreporter pluridecorato in vent’anni di carriera: dieci World Press Photo, la Robert Capa Gold Medal, la Leica Medal of Excellence tra gli altri. Da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Forza Nuova, provocazione al “muro rosso”: oggi la marcia sul quartiere San Lorenzo

prev
Articolo Successivo

Da Boris Johnson a Sajid Javid. Dopo May non splende il sole

next