Da Boris Johnson a Sajid Javid. Dopo May non splende il sole

La premier “commossa” lascerà il 7 giugno, il 10 si chiudono le già folte candidature “È difficile che il Labour governi, il risultato sarebbe lo stesso Parlamento bloccato”
Da Boris Johnson a Sajid Javid. Dopo May non splende il sole

Dopo quasi tre anni di pressioni, fallimenti, umiliazioni e rifiuti sopportati con una tempra sovrumana, Theresa May cede all’emozione solo all’ultimo passaggio del discorso con cui annuncia le sue dimissioni da leader del Partito conservatore, esecutive dal 7 giugno. “Lascerò presto l’incarico che è stato il più grande onore della mia vita. Il secondo primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.