Dopo quasi tre anni di pressioni, fallimenti, umiliazioni e rifiuti sopportati con una tempra sovrumana, Theresa May cede all’emozione solo all’ultimo passaggio del discorso con cui annuncia le sue dimissioni da leader del Partito conservatore, esecutive dal 7 giugno. “Lascerò presto l’incarico che è stato il più grande onore della mia vita. Il secondo primo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Una foto è la prova del dolore”

prev
Articolo Successivo

Farage la star si prepara per Strasburgo

next