Sbloccate dopo giorni di serrate trattative in Viale Mazzini le nomine aziendali rimaste ferme per una settimana. Con qualche novità nelle scelte dell’ad Fabrizio Salini che mettono un argine alle richieste dell’area leghista. Sono saltate, infatti, due nomine sponsorizzate dal Carroccio. Quella di Massimo Ferrario, leghista di lungo corso ed ex direttore di Rai2, alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Il governo è inconcludente, non produce”. Giorgetti il “disertore” si sfoga per 23 minuti

prev
Articolo Successivo

Radio Radicale, destino segnato: bocciate le norme per salvarla

next