Il personaggio

Tangenti Milano, l’assalto alla Regione e ai fondi. Il manager che gli indagati volevano rimuovere: “Così cacciai Zingale”

Gianni Bocchieri - Il capo della Formazione che gli affaristi lombardi volevano rimuovere

12 Maggio 2019

Mettere le mani sulla Regione, più precisamente sulla Direzione generale per la Formazione e il lavoro, aumentando così la sfera d’azione e d’influenza che Giuseppe Zingale già esercitava da presidente in Afol, l’agenzia per il lavoro divenuta strumento per le partite affaristico-politiche orchestrate insieme al ras di Forza Italia Nino Caianiello e all’ex direttore di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.