L’inchiesta

La Svezia e la testa di Assange: i giudici decidono sugli “stupri”

La scelta - Domani i magistrati dovranno valutare se continuare a perseguire per violenza l’attivista di Wikileaks (in cella a Londra)

12 Maggio 2019

La magistratura svedese deciderà domani se rilanciare, o lasciare definitivamente cadere, le accuse di violenza sessuale presentate da due donne nei confronti di Julian Assange: accuse che risalgono a sette anni or sono e che avevano all’epoca innescato una richiesta di estradizione del fondatore di Wikileaks dalla Gran Bretagna. Al termine dell’udienza, il vice-procuratore Eva-Marie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per i primi 3 mesi
dopo 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.