La “madrina” autorizzata dal viceparroco è una mafiosa

La “madrina” autorizzata dal viceparroco è una mafiosa

Non solo la Ferrari e i fuochi d’artificio per la prima comunione, ma anche la regina del clan locale come “madrina”. Accettata dal prete con la firma sulla “dichiarazione di idoneità” al ruolo “di esempio e di guida” per il bambino. Uniche condizioni: “Appartenere alla Chiesa cattolica e accettare le verità di Fede in essa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.