Fuori la politica dalla sanità. È il mantra M5s, ancora di più dopo il caso della Sanitopoli umbra. Il vicepremier Luigi Di Maio ha promesso una legge entro l’estate per scongiurare la nomina dei direttori generali delle aziende sanitarie da parte dei partiti. In Parlamento ci sono due ddl. Il primo, alla Camera, a prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dopo la fattura arriva il caos degli scontrini elettronici

prev
Articolo Successivo

Fondi pensione chiusi: meno cari ma dal forte potenziale autodistruttivo

next