Siri beve l’amaro calice, il premier preferisce il caffè

Siri beve l’amaro calice, il premier preferisce il caffè

Celebrato il 25 Aprile, ora l’antifascista Conte aspetta la liberazione del governo dal sottosegretario che parlava con il prestanome di Messina Denaro; la sindaca Raggi invece marca da vicino il filosofo farfallone e attempato Bernard-Henri Lévy, nemico dichiarato di tutti i populismi

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.