Celebrato il 25 Aprile, ora l’antifascista Conte aspetta la liberazione del governo dal sottosegretario che parlava con il prestanome di Messina Denaro; la sindaca Raggi invece marca da vicino il filosofo farfallone e attempato Bernard-Henri Lévy, nemico dichiarato di tutti i populismi

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Nel mondo di Internet il pacco l’hanno fatto ai lavoratori: addio diritti”

prev
Articolo Successivo

Paesani contro forestieri: San Luca avrà un sindaco

next