Daniele Vicari, oggi il lavoro è il grande rimosso? Ci siamo illusi che negli Anni Novanta insieme alla storia fosse finito anche il lavoro, perché tutte le ideologie postmoderniste parlavano di battaglia vinta, di superamento del lavoro, grazie alle nuove tecnologie. Invece era il superamento dei lavoratori. Il dibattito fu ambiguo, approfondii, anche per un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

1° maggio cercasi: quel che resta del simbolo

prev
Articolo Successivo

Siri beve l’amaro calice, il premier preferisce il caffè

next