C’è lo stile, la prudenza dell’avvocato, i piedi di piombo del mediatore gialloverde. Ma pure una certezza, ormai ineluttabile: al voto del 26 maggio, quello delle elezioni europee, Armando Siri non potrà arrivare come membro dell’esecutivo Conte. È una macchia che il premier del “governo del cambiamento” non può tollerare: “Un mio sottosegretario indagato per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

testatina

prev
Articolo Successivo

25 aprile, Fico: “E’ grazie alla Liberazione che la Lega è al governo. Siri? Quando c’è odore di mafia c’è bisogno di un atto durissimo”

next