Il giovane capo che prima era una speranza ora è l’uomo in blu a cui gridano traditore da dietro le transenne di una città blindata, “più di quando venne Matteo Renzi nel 2014” dicono tutti, ed è un paragone che è già uno schiaffo. Ma nel giovedì in cui Luigi Di Maio appare a Taranto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Caro ministro Salvini, sul 25 aprile mi ricorda chi a Palermo non dice “la mafia fa schifo”: la lotta a Cosa nostra e la Resistenza si somigliano

prev
Articolo Successivo

Da settembre addio allo scudo penale: Arcelor è d’accordo

next