Il Dossier

Libia, l’intervento Nato che bombardò la ragione

Guerre umanitarie - Nel 2011 l’Alleanza atlantica ribaltò il conflitto con il pretesto dell’emergenza. Da allora si contano 10 mila morti

Di Pino Arlacchi
21 Aprile 2019

L’attacco alla Libia del 2011 è forse il più lampante esempio dell’inganno che si nasconde dietro gli interventi umanitari e di promozione della democrazia intrapresi di recente e progettati per il futuro. Come nel Kosovo 12 anni prima, i bombardamenti Nato in Libia furono giustificati con l’urgenza di impedire uno sterminio di innocenti. Secondo l’allarme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono state modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui