Libia, l’intervento Nato che bombardò la ragione

Guerre umanitarie - Nel 2011 l’Alleanza atlantica ribaltò il conflitto con il pretesto dell’emergenza. Da allora si contano 10 mila morti
Libia, l’intervento Nato che bombardò la ragione

L’attacco alla Libia del 2011 è forse il più lampante esempio dell’inganno che si nasconde dietro gli interventi umanitari e di promozione della democrazia intrapresi di recente e progettati per il futuro. Come nel Kosovo 12 anni prima, i bombardamenti Nato in Libia furono giustificati con l’urgenza di impedire uno sterminio di innocenti. Secondo l’allarme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.