Un’installazione artistica è finita al centro delle polemiche a Matera. La capitale della cultura dovrebbe ospitare, a settembre per tre mesi, una ragnatela d’acciaio realizzata dall’artista argentino Tomàs Saraceno, dove si arrampicheranno dei performer professionisti. Il progetto “Airport City Tuning Gravity’s Strings”, voluto dalla Fondazione Matera Basilicata 2019, non è ancora definitivo. Ma le associazioni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Rigopiano, la funzionaria che non ha creduto all’Sos rischia il processo: depistaggio

prev
Articolo Successivo

“Salviamo subito Ventotene o sprecheremo 70 milioni”

next