Chiusa l’inchiesta bis della Procura di Pescara, per depistaggio e frode processuale, sul disastro dell’Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), che il 18 gennaio del 2017 costò la vita a 29 persone. Tra i sette indagati, che ora rischiano il rinvio a giudizio, figurano l’ex prefetto Francesco Provolo e i due viceprefetti distaccati, Salvatore Angieri e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La banda degli “spaccaossa”: mattoni e tubi di ghisa per truffare le assicurazioni

prev
Articolo Successivo

Un’enorme “ragnatela d’acciaio” nel cuore del Parco della Murgia: associazioni contro l’opera d’arte

next