Alle 21, lungo il quai Montebello, la folla si ammassa sul lungosenna e guarda davanti a sé. Notre-Dame sta bruciando. Negli occhi c’è lo sgomento. Tra di loro c’è chi è lì da due ore, dalle prime fiamme, a guardare, senza staccare gli occhi dalla cattedrale. Prima c’erano state le lacrime. Poi le grida di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Salvini e il rebus delle candidature al Sud

prev
Articolo Successivo

Dal Gobbo di Hugo a Napoleone sovrano è la Storia d’Europa

next