Ci sono voluti esattamente sette mesi e sei giorni ma alla fine Luigi Di Maio ha avuto il coraggio di ufficializzare il ritorno a Taranto. Tanto tempo è trascorso dal giorno in cui si è aperta una ferita sanguinante tra gli eletti del M5s che avevano promesso di chiudere ‘il mostro’ cioé l’Ilva e gli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Anas, la cornucopia dei 97 comunicatori

prev
Articolo Successivo

“Uno maggio”. La buona musica ormai abita qui

next