Peperoncino strofinato in faccia per lacrimare, rasoio sulla pelle per sanguinare, rito e regole sono di mafia, ma la brutalità dell’iniziazione supera i simbolismi di Cosa nostra: lacrime, sangue e legnate sul corpo nudo del nuovo adepto nel rito di affiliazione della confraternita nigeriana Eiye, che a Palermo ha preso il posto dei Black Axe, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Fiero di mio figlio, ma non diventi l’eroe della sinistra”

prev
Articolo Successivo

I vincitori possono giudicare i vinti?

next