È una delle cinque persone che rischiano la sorveglianza speciale perché, dopo essere stata a combattere nel nord della Siria al fianco dei curdi contro l’Isis, più esattamente con l’Unità di protezione delle donne (Ypj), la Procura di Torino e la Questura la ritengono socialmente pericolosa. Maria Edgarda Marcucci, per gli amici Eddi, ha 27 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Indagato a Catania per corruzione e “premiato” con il Tar del Lazio

prev
Articolo Successivo

Pure lo Stato non vuol pagare. Il Tesoro offre lavoro gratuito

next