Idati delle intercettazioni informatiche compiute con il software Exodus per conto delle Procure italiane non finivano sul server degli uffici giudiziari ma su un cloud di Amazon, in Oregon (Stati Uniti). “Senza cautele e protezione” perché, come hanno appurato le indagini confluite nel fascicolo della Procura di Napoli guidata da Giovanni Melillo, per accedere alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Carabinieri, inchiesta sulla “guerriglia” nell’Arma e sugli ufficiali trasferiti. Il gip: “Indagate il generale Del Sette”

prev
Articolo Successivo

Libia: Gheddafi, ‘ndrangheta e servizi segreti I mille misteri di Giorgi, il mercante di armi estradato

next