Il 10 ottobre 2017, secondo una denuncia presentata all’Autorità nazionale anticorruzione, negli uffici romani della Siae si realizza la seguente scena. Il responsabile dell’ufficio recupero crediti autorali discute con il direttore della sede interregionale di Roma, Alessandro Bracci, che peraltro è una filiale piuttosto estesa, visto che include Lazio, Abruzzo e Umbria. I due parlano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Ti candido”, come il Pd del Nord scimmiotta i 5Stelle

prev
Articolo Successivo

“Perché No Tav”, trent’anni d’interessi dietro l’opera inutile

next