Alberto Matano, la parabola del mezzobusto che diventò selfie

Una volta i mezzibusti sognavano la figura intera, l’altra metà del busto. Sognavano di diventare inviati come i più prestigiosi colleghi della carta stampata e qualcuno, vedi Carlo Mazzarella o Ruggero Orlando, ci riusciva. Ma i sogni non sono più quelli di una volta. Ora il mezzobusto sogna il primo piano. Prendete Alberto Matano, quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.