Una volta i mezzibusti sognavano la figura intera, l’altra metà del busto. Sognavano di diventare inviati come i più prestigiosi colleghi della carta stampata e qualcuno, vedi Carlo Mazzarella o Ruggero Orlando, ci riusciva. Ma i sogni non sono più quelli di una volta. Ora il mezzobusto sogna il primo piano. Prendete Alberto Matano, quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il ritorno di Mayall: stessa grinta, meno capelli

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next