Due pesi, due misure. Da una parte c’è “l’onda verde”: i 50mila di sabato pomeriggio a Roma che, dopo la manifestazione del 15 marzo in difesa del clima, hanno organizzato un corteo chilometrico contro le grandi opere inutili. Dall’altra parte ci sono le madamine Sì Tav e gli umarell, sempre a caccia di nuovi cantieri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Lega ora ammette il bluff: Olimpiadi, paga pure lo Stato

prev
Articolo Successivo

Conte: “Non lavorerò a un nuovo esecutivo. La mia esperienza termina con questo”

next