“Altro che voci dei naufraghi: Ousseynou Sy voleva uccidere” L’autista resta in carcere

Il bus sequestrato a San Donato
“Altro che voci dei naufraghi: Ousseynou Sy voleva uccidere” L’autista resta in carcere

Nessuna voce di bimbi morti in mare, nessuna “visione”: secondo il gip, Ousseynou Sy sapeva benissimo ciò che stava facendo. Ha acceso volontariamente il fuoco, e non avrebbe mai lasciato andare gli studenti, se non fosse stato per l’intervento dei carabinieri. Per questo deve rimanere in carcere. Il giudice per le indagini preliminari di Milano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.