C’è una intercettazione in cui uno degli indagati accenna a 20 miliardi delle vecchie lire su cui mettere le mani. Erano soldi del clan dei Casalesi, secondo gli inquirenti. Rimasti ‘impigliati’ nei cassetti di criminali o collusi che non avrebbero potuto giustificare i loro enormi gruzzoli davanti alle banche che avrebbero dovuto procedere alla conversione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Di ventotto ce n’è uno, tutti gli altri ne han trentuno. Il 2019 dell’Inail è di 369 giorni

prev
Articolo Successivo

Sulla revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini il consiglio comunale decide di non decidere

next