L’atto conclusivo di due inchieste sul caso Cucchi racconta la storia di un depistaggio durato dieci anni. Che inizia subito dopo la morte del geometra romano – avvenuta nell’ottobre 2009 a una settimana dall’arresto – e che per il pm Giovanni Musarò arriva fino al novembre del 2018 quando un appuntato accusa, pur sapendolo innocente, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Cucchi, un altro pezzo di Arma rischia il processo

prev
Articolo Successivo

Tercas, non fu aiuto di Stato Schiaffo alla Ue sulle banche

next