Un generale, due colonnelli e poi capitani e marescialli. L’Arma dei carabinieri rischia un altro processo per il caso Cucchi. Non per il pestaggio (cinque militari sono già imputati, tre accusati delle percosse), ma per una serie di falsi e per le mancate denunce dopo la morte del ragazzo. Il pm Giovanni Musarò ha chiuso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Ruby e Boldrini: gli stessi insulti, sentenze opposte

prev
Articolo Successivo

Un depistaggio lungo dieci anni, tra falsi e omesse denunce

next