A riaprire il caso di Laura Pignataro, la funzionaria italiana della Commissione europea suicidatasi a dicembre scorso a Bruxelles, è stato ieri un articolo del quotidiano francese Libération dal titolo: “Selmayrgate: conflitto d’interessi, bugie… e suicidio”. Il corrispondente in Belgio, Jean Quatremer scrive che l’alta funzionaria della Commissione “si trovò costretta a difendere la nomina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)