Ogni volta che un 5Stelle dice no al Tav, un imprenditore piange o finge di farlo. E allora il capo del Movimento Luigi Di Maio e il presidente del Consiglio con cui è tornata la sintonia, Giuseppe Conte, parlano più di prima di aziende da tutelare, di cantieri da sbloccare e quindi del codice degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Tav, Francia paga un terzo del tunnel, ma congela la tratta nazionale fino al 2038: la strategia di Conte sulla ripartizione dei costi

prev
Articolo Successivo

Beffa per gli stranieri: 100 mila perderanno sia Rei che Reddito

next