C’è una giovane ragazza abruzzese, Sabrina, a cui noi donne, tutte, dovremmo essere grate. Perché Sabrina – senza soldi, senza un lavoro stabile, senza la certezza di uscire incolume dalla battaglia che tre anni fa ha intrapreso nei tribunali – ha ottenuto uno dei più grandi risultati in tema di azioni giudiziarie riguardanti il revenge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Mail Box

prev
Articolo Successivo

Tiziana Cantone e le altre

next