Dopo ripetuti artifici verbali, il presidente Chiamparino ha dovuto, in consiglio regionale, mettere le carte in tavola. Così, nell’arco di pochi minuti, la sua proposta di referendum sul Tav si è rivelata un castello di carte che è subito crollato. Ora, dunque, anche Chiamparino e la sua maggioranza ammettono che nessun referendum regionale è possibile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La mini-analisi costi/benefici per rimandare l’affaire Tav

prev
Articolo Successivo

La malafede dispiega la sua forza invincibile

next