L’intreccio tra manovra bis e l’ipotesi di voto anticipato

Conte nega di dover intervenire nonostante la recessione, ma le agenzie di rating e le incognite sul 2020 potrebbero far scatenare i mercati
L’intreccio tra manovra bis e l’ipotesi di voto anticipato

Dietro il dibattito sulla manovra correttiva c’è quello sulla durata del governo e possibili elezioni anticipate. “Non riteniamo necessaria alcuna manovra correttiva e non intendiamo farci dettare l’agenda da ipotesi o previsioni di sorta”, dice netto il premier Giuseppe Conte in Parlamento. Il riferimento è anche al giudizio delle agenzie di rating: oggi arriva quello […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.