I due contraenti che prima non litigavano mai, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, hanno messo (o fatto mettere) sul tavolo la pistola carica, cioè la minaccia di voto anticipato. Dandosele sul Tav, innanzitutto. Ma con in testa anche e soprattutto la prima mina per il governo, il voto in Senato sul rinvio a processo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Testatina

prev
Articolo Successivo

Tav, l’Ue minaccia: “Col no pagherete”. Ma sono spiccioli

next