“Finalmente terraferma”. I 47 migranti a Catania

Fine del calvario - Tra canti e applausi, lo sbarco avvenuto dopo 12 giorni: 15 minori sono stati affidati ai servizi sociali del comune etneo, gli adulti trasferiti all’hotspot di Messina
“Finalmente terraferma”. I 47 migranti a Catania

Pensavano che fosse come in Libia o nei loro Paesi di origine. E così, d’istinto, alcuni dei 15 ragazzi – appena sbarcati a Catania dopo 12 giorni a bordo della Sea Watch – si sono gettati a terra, convinti di esser finiti sotto bombardamenti. Erano invece i fuochi d’artificio, in vista della Festa di Sant’Agata, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.