Pensavano che fosse come in Libia o nei loro Paesi di origine. E così, d’istinto, alcuni dei 15 ragazzi – appena sbarcati a Catania dopo 12 giorni a bordo della Sea Watch – si sono gettati a terra, convinti di esser finiti sotto bombardamenti. Erano invece i fuochi d’artificio, in vista della Festa di Sant’Agata, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria 0102

prev
Articolo Successivo

Promesse mancate, l’Europa è solidale soltanto a parole

next