Al pullman, ieri mattina, i ragazzi richiedenti asilo si abbracciavano commossi con gli operatori. Erano i primi 30 ad andarsene dal Cara di Castelnuovo di Porto, a nord di Roma, dopo la decisione improvvisa della chiusura. Entro sabato andranno via in 300. Lamie, vent’anni del Senegal, è quasi incredulo. “Sono qui da un anno e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sospetto di razzismo, l’Onu ispeziona l’Italia

prev
Articolo Successivo

Grandeur sulla pelle degli altri: il vetero-colonialismo di Parigi

next