Fino a prova contraria, se ritorniamo sulla cena “garantista” organizzata l’altra sera da Annalisa Chirico è perché essa ha costituito un “episodio-matrice”, in grado di rivelare i bruschi riposizionamenti delle classi dirigenti nazionali attraverso le porte girevoli del potere italiano. Quel convivio non ha rappresentato soltanto l’eterno riproporsi del vecchio, una cena da ancien régime […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Di Maio cacci il senatore che cita i protocolli di Sion”

prev
Articolo Successivo

Insulti razzisti e botte: a processo 28 carabinieri

next