Che magnifico Paese il nostro. E così in questo novello anno del Signore 2019, secondo dell’era populista, accade pure che Silvio Berlusconi si presenti alle masse come l’erede di don Luigi Sturzo, che proprio cent’anni fa scrisse il suo Appello ai liberi e forti, manifesto imperituro del popolarismo dc. L’evento venerdì scorso sul più istituzionale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il baciamano a Salvini fa schifo, ma bisogna capirne le ragioni

prev
Articolo Successivo

Ramallah, palestinesi fuori dalla polveriera

next