Mentre si sale in auto lungo l’affollata arteria che da El Bireh conduce a Ramallah, la “capitale de facto” dei palestinesi, si vedono già svettare palazzoni e diversi grattacieli in vetrocemento che scintillano alla luce del tiepido sole invernale. La città ha cambiato completamente volto negli ultimi venti anni, quando Yasser Arafat la scelse come […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Minetti sexy-suora a don Sturzo: lo strano cristianesimo di Silvio B.

prev
Articolo Successivo

Bibi Netanyahu e l’oscura battaglia giocata con i social

next