La guerriglia di Santo Stefano a Milano tra ultrà interisti e napoletani non solo fu un’azione militare, ma anche il tentativo di alcuni capi della curva Nord di anticipare un progetto dei tifosi partenopei di assaltare il Baretto, storico ritrovo nerazzurro. Agli scontri del 26 dicembre partecipa anche Alessandro Martinoli, varesino dei Blood and Honour […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Cerchiamo tutti i terroristi, anche quelli neri dei Nar”

prev
Articolo Successivo

L’ex Br Lojacono: “L’Italia non ha mai chiesto l’estradizione, sconterei la pena in Svizzera”

next