Accetterebbe di scontare l’ergastolo in Svizzera Alvaro Lojacono, ex membro delle Brigate Rosse condannato per l’agguato di via Fani in cui la scorta di Aldo Moro – sequestrato e poi ucciso – venne sterminata. Lojacono, da tempo cittadino svizzero, rompe il silenzio dopo quasi vent’anni con un’intervista al portale Ticinonline.it pochi giorni dopo il recente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultrà: “Volevo vendicare la morte di Dede”

prev
Articolo Successivo

“Cene e nomine di giudici: una rogna preoccupante”

next