C’è una foto, a distanza di un mese dalla tragedia di Corinaldo, che resta ancora l’immagine più cruda di quella sera: la balaustra all’esterno della discoteca è crollata, centinaia di ragazzi franano l’uno sull’altro diventando una montagna troppo pesante per gli adolescenti seppelliti alla base. Sei di loro non ce la faranno, alcuni rimarranno in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Emergenza freddo e non solo: quinto clochard morto da inizio anno, già dieci da novembre

prev
Articolo Successivo

Molière e Plauto? Basta “Hanno ucciso il teatro”

next