Le frecce di Cupido tra il granturco e l’abete

Il secondo lavoro di Cecilia, cantante e arpista, è un erbario dell’amore
Le frecce di Cupido tra il granturco e l’abete

Un erbario dell’amore. Nel secondo album di Cecilia, cantautrice e arpista, ogni brano è associato a una pianta o a un fiore: dal granturco per Say Something Nice all’abete rosso per Maine sino all’ipomoea bianca per Lonely Moon e così via. “Ho scritto queste dieci canzoni perché pensavo di aver capito tutto dell’amore e invece […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.