Strano mondo, quello dei videogiochi. Per quanto realistici siano, c’è sempre qualcosa che sfugge ai programmatori, una scheggia impazzita, un terzino che diventa formidabile centravanti contro ogni razionalità. Piccole imperfezioni che chi vuole vincere deve padroneggiare. Alessandro Ansaldi, 22 anni, toscano, questi trucchi li sa ormai a memoria, almeno da quando è diventato giocatore professionista […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Vacanza-studio in Uk? “Forse in estate servirà il passaporto”

prev
Articolo Successivo

La rivoluzione mancata dell’altro Bonaparte

next