Roma, l’improbabile farsa dei Gilet gialli alla vaccinara

Lo sbarco in Italia dei “leader” del movimento transalpino
Roma, l’improbabile farsa dei Gilet gialli alla vaccinara

La calata a Roma dei Gilet gialli è in un albergo alle spalle della stazione Termini. Inizia con patriottismo a volontà e le due bandiere tricolori che sventolano durante la staffetta tra la Marsigliese e l’inno di Mameli. E finisce quasi a schiaffi: al momento degli interventi conclusivi uno dei moderatori dell’incontro strappa di forza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.