Ai 63 e 65 della rue d’Aubagne, quartiere Noailles, tra la Canebière e il Vieux Port, nel centro di Marsiglia, resta solo un ammasso di rovine. Il crollo di due palazzi insalubri, il 5 novembre scorso, ha portato via la vita a otto persone. Anche quella di Simona Carpignano, la 30nne di Taranto, laureata in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’aereo più pazzo del mondo: Mumbai andata/ritorno

prev
Articolo Successivo

Erdogan snobba gli Usa: “I curdi sono terroristi”

next